Ogni anno, più di un milione di persone perde la vita, e un numero ancora superiore è vittima di lesioni non mortali, a seguito di atti di violenza auto inflitta, interpersonale o collettiva. Complessivamente la violenza è una tra le maggiori cause di morte a livello mondiale per le donne di età compresa tra 15 e 44 anni.

La drammaticità dei numeri

Secondo l’Istat, un milione e 157mila donne avrebbero subito una violenza sessuale nel corso della vita, tra stupri e tentati stupri.
I dati relativi al 2016 risultano allarmanti: tra le donne abusate dai partner, il 90,6% ha subito rapporti sessuali indesiderati; il 79,6% tentativi di strangolamento, soffocamento e ustione; il 77,8% schiaffi, pugni, calci e morsi. Le percosse, in una minoranza dei casi (1,5%), hanno provocato danni permanenti. Tra le mogli e le fidanzate vittime di violenza, il 37,6% ha riportato ferite o lesioni, il 21,8% soffre di dolori ricorrenti. Neppure la gravidanza ferma gli abusi, anzi nel 7,5% dei casi è il motivo che provoca l’ira dell’uomo.
I picchi di violenza, spiega l’Istat, sono spesso anticipati da vessazioni psicologiche, uno stato di soggezione che riguarda 4 donne su 10: il 40,4% le vittime di violenza psicologica, ad esempio attraverso la svalutazione o sottomissione.
Il 40,4%, oltre 8,3 milioni, è stata abusata verbalmente fino a sopportare gravi danni allo sviluppo della propria personalità, una su 4 ha difficoltà a concentrarsi e soffre di perdita di memoria.

La maggior parte delle vittime non denuncia l’aggressore,
solo il 12% del campione nazionale giunge al servizio o alle forze dell’ordine

Come interviene il Servizio Sociale?

La presa in carico delle donne che hanno subito violenza vede una disponibilità di servizi e professionisti che si attivano nell’accoglienza della vittima, nella presa di coscienza del problema fino alla creazione di un progetto di autonomia per la donna e i suoi figli.
I protagonisti della presa in carico si distinguono tra privato sociale (Centri Antiviolenza, Casa delle donne, …) e pubblico (Servizio Sociale Territoriale e Forze dell’ordine).

L’accoglienza e il primo contatto sono momenti fondamentali: la donna, attraverso il contatto con l’operatore sociale, durante il colloquio può aprirsi, trovare uno spazio per raccontare la violenza taciuta. Resta alla vittima la scelta se intraprendere o meno il percorso di uscita da una situazione di violenza. La costruzione di un rapporto di fiducia con l’assistente sociale è alla base per stimolare nella donna il pensiero del cambiamento, la possibilità di migliorare la propria condizione, di valutare i rischi di tale scelta. Alla donna vanno fornite informazioni sulle risorse disponibili, sulle possibili azioni a sua tutela, sui rischi per sé e per i figli.

L’intervento del servizio sociale intende dare risposta ai bisogni di ascolto e accompagnamento della donna, per questo il segreto della donna maltrattata è sempre tutelato.

L’atteggiamento professionale, partecipativo ed empatico, permette alla donna di considerare l’assistente sociale un punto di riferimento stabile, in grado di accompagnarla nel suo percorso di autonomia e libertà. Fornire informazioni utili è il primo aiuto concreto a chi si trova a dover lottare con la minimizzazione del problema da parte di familiari e amici.
L’allontanamento della donna dal maltrattante prevede il coinvolgimento di più operatori per un sostegno sociale, psicologico e legale, poiché la vittima deve ritrovare dentro di sé le risorse emotive per intraprendere una strada, che le consenta di ricostruire il proprio percorso e per riorganizzarsi.

L’assistente sociale del territorio può essere supportata, nella gestione dei casi, dall’équipe che si occupa dei casi di abuso e maltrattamento (composta da psicologhe, assistenti sociali e forze dell’ordine) presente sul territorio di riferimento.
L’assistente sociale offre il suo sostegno attraverso attività informative, colloqui di empowerment, invio a servizi sanitari e specialistici; si occupa inoltre di progetti di prevenzione, coinvolgendo trasversalmente tutte le fasce d’età e tutti i contesti sociali.

– Potrebbe interessarti – Articolo Correlato: Donne oltre il silenzio

 

no alla violenza sulle donne

Chi chiamare per chiedere aiuto?

Il Dipartimento per le Pari Opportunità ha messo in campo il numero di pubblica utilità 1522, nato per il sostegno e l’ascolto delle donne in difficoltà, è ora diventato anche un importante riferimento per tutte le vittime di stalking: il numero è attivo tutti i giorni per 24 ore al giorno e, oltre ad essere completamente gratuito sia da fisso sia da mobile, è disponibile in più lingue. Al fianco della soluzione ministeriale, è nato anche il Telefono Rosa: attivo 24 ore al giorno ed è raggiungibile chiamando il numero 06-37518282.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.