Home Attualità Reddito di inclusione: solo il 38% dei richiedenti ne potrà beneficiare

Reddito di inclusione: solo il 38% dei richiedenti ne potrà beneficiare

0
Reddito di inclusione: solo il 38% dei richiedenti ne potrà beneficiare

Dopo gli 80 euro e il sostegno per l’inclusione attiva (SIA) è in arrivo il nuovo reddito di inclusione sociale che potrà essere utilizzato dal 1 gennaio 2018. Un assegno mensile accompagnato da un progetto di reinserimento sociale e lavorativo. Le domande partiranno dal 1 dicembre 2017. 

É stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale il Decreto legislativo 15 settembre 2017, n.147 dal titolo “Disposizioni per l’introduzione di una misura nazionale di contrasto alla povertà”, ed è entrato in vigore ieri, 14 ottobre.

Che cos’è il Rei?

Il Rei, ovvero il Reddito di Inclusione è una misura nazionale unica di contrasto alla povertà. Consiste in un sussidio mensile tra i 190 e i 485 euro per un massimo di 18 mesi rinnovabili dopo una pausa di 6 mesi.

Requisiti

Potranno beneficiare del Rei i nuclei familiari con:

  • Reddito annuo inferiore a 6.000 euro;
  • Figli minorenni o disabili in famiglia;
  • Disoccupati di età superiore ai 55 anni;
  • Donne in stato di gravidanza;
  • Valore del patrimonio immobiliare (escludendo la casa di abitazione) non oltre i 20.000 euro.

È fondamentale risultare residenti in Italia da almeno due anni in via continuativa.

Inoltre sarà necessario che nessun componente del nucleo:

  • Percepisca assegno Naspi o altro ammortizzatore sociale di sostegno al reddito per disoccupazione;
  • Possieda auto o moto immatricolate nei 24 mesi precedenti la domanda, tranne auto e moto acquistati in favore di soggetti disabili con le agevolazioni 104;
  • Possieda navi e imbarcazioni.

Come presentare la domanda

La domanda va presentata dall’interessato o da un componente del nucleo familiare presso i punti per l’accesso al Rei che verranno identificati dai Comuni/Ambiti territoriali.
Il Comune raccoglie la domanda, verifica i requisiti di cittadinanza e residenza e la invia all’Inps entro 10 giorni lavorativi.
L’Inps, entro i successivi 5 giorni verifica il possesso dei requisiti e, in caso di esito positivo, riconosce il beneficio.

Il progetto

L’assegno verrà erogato su una carta prepagata chiamata appunto carta Rei e varia dai 190 euro per una persona sola ai 485 euro per una famiglia con 5 o più componenti. La famiglia interessata non riceverà solamente l’aiuto economico ma dovrà sottoscrivere un progetto finalizzato al recupero sociale e al superamento della condizione di povertà.

Il servizio sociale, insieme ad altre figure, svolgerà un ruolo fondamentale in quanto sarà impegnato in prima linea a combattere la povertà attraverso la sottoscrizione di progetti personalizzati.

Criticità

Poche famiglie potranno beneficiare del Rei. Tale misura è insufficiente a coprire tutti coloro che vivono in una condizione di povertà. Per il 2018 sono stati stanziati 1.759 milioni di euro e potranno beneficiare del Rei 1,8 milioni di individui, il 38% del totale della popolazione in povertà assoluta; mentre il 62% dei poveri ne rimarrà escluso.

Per quanto riguarda il progetto di intervento, è basilare garantirne la continuità. Se l’intervento si esaurisce con la fine del progetto, ha perso in partenza.

Il progetto deve essere un punto di partenza, una possibilità per riscattarsi a livello sociale e lavorativo. Noi vogliamo avere fiducia nel nostro Governo e vogliamo credere che il Rei sia una reale misura per contrastare la povertà e l’esclusione sociale.

 

-Aggiornamento al 1 dicembre 2017-

Da oggi 1 dicembre è possibile compilare la domanda del Reddito d’inclusione. Clicca per visualizzare il modulo di domanda.

-Aggiornamento a maggio 2018-

Dal primo giugno potranno essere presentate le domande anche senza i requisiti familiari richiesti finora; tali requisiti verranno abrogati.
Le domande già presentate e non accettate proprio per mancanza dei requisiti familiari, verranno riconsiderate dall’INPS.
A gennaio 2018 erano interessate circa 500 mila famiglie, da giugno saranno quasi 700 mila. 
L’INPS entro 15 giorni verificherà la domanda e la carta REI sarà attivata dal 1 luglio. 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Autore di articoli e contenuti

Vuoi scrivere sul nostro blog? Certamente! Abbiamo bisogno anche di te. Puoi contribuire con articoli, recensioni di libri, o elaborati originali. Compila il form, sarà nostra premura ricontattarti per avviare la collaborazione.


Richiedi un articolo su un tuo evento/organizzazione

Vuoi pubblicizzare un tuo evento (corso di formazione, presentazione di un nuovo libro, meeting, …) oppure vuoi far sapere ai nostri utenti della tua nuova organizzazione (centro d’accoglienza, casa famiglia, ludoteca, …)? 
Parlacene, e pubblicheremo un articolo inerente.
Il costo? E’ gratuito!

Ti piacerebbe collaborare con noi?