La coppia che decide di separarsi lo fa rispetto alla propria relazione affettiva e non in qualità di genitori, anche se questo accadde in molte situazioni.

Pertanto, al fine di garantire una buona ed efficace funzione genitoriale e per consentire ai figli di mantenere una buona relazione con entrambi i genitori, è indispensabile imparare a collaborare con l’ ex coniuge. Per tale motivo, sarebbe ideale, dopo una separazione, improntare la relazione stessa su una “genitorialità condivisa”.

 

Genitorialità condivisa …

In questa condivisione ci è una “riorganizzazione della vita familiare” Delle relazioni, ognuno impara a rispettare i reciproci spazi, nell’interesse dei propri figli.

Diventa pertanto indispensabile imparare a collaborare con l’ex coniuge, per poter così garantire l’esercizio della funzione genitoriale, consentendo ai figli di avere un normale rapporto affettivo con entrambi i genitori. Inoltre l’accesso alla relazione con il genitore non
convivente è anche una garanzia di accesso ad entrambe le storie familiari.
La situazione ideale dopo la separazione sarebbe quella improntata all’esercizio di una
genitorialità condivisa, in cui i genitori devono riorganizzarsi, rispettando i reciproci spazi,
per poterla esercitare insieme nell’interesse dei figli.

Coniugi e/o genitori: la componente emotiva

Diventa molto difficile mantenere il giusto distacco tra coniugalità e genitorialità, soprattutto nella fase iniziare della separazione, in cui le emozioni sono più intense.
Sarebbe opportuno non lasciarsi travolgere dal flusso emozioni, dalla delusione profonda che accompagna ogni separazione e cercare di mantenere il controllo della situazione, tenendo presente l’obiettivo più importante: salvare il buono del legame che c’è stato, riconoscendosi la comune responsabilità genitoriale.

La separazione in sé

Non si tratta di un evento assolutamente negativo anzi, la separazione è connaturata alla esistenza dell’essere umano. La vita di ogni individuo è connotata da momenti separativi, pensiamo alla nascita come separazione, o allo svezzamento e crescita come separazione, e infine alla morte come separazione definitiva. In questo senso la separazione è contenuta all’interno di tappe evolutive che normalmente devono verificarsi.
E’ importante tenere sempre presente che essa rappresenta certamente una delle fasi più
delicate e stressanti della storia familiare, accompagnandosi a stati d’ansia, depressione,
incertezza e disorientamento dei singoli membri coinvolti.

Il conflitto …

Considerando la separazione come una fase fisiologica della vita, è facile comprendere come non sia la separazione in sé a generare ripercussioni negative, ma è come gli individui affrontano tale evento che può portare a esiti più o meno gravosi. Il conflitto in sé non è negativo, bensì è una forza neutrale, dalla quale si può prendere spunto per la propria crescita personale e il cambiamento. Ciò che conta è se c’è la volontà di affrontare e gestire il conflitto in modo maturo e responsabile.

Separazione: un lavoro di coppia

E’ in questo contesto che la Mediazione familiare può essere considerata un valido strumento, a disposizione delle coppie che intendono separarsi in modo maturo e responsabile, aiutandole
nell’elaborazione della fine della propria unione. La separazione pertanto diviene un lavoro di coppia, così come insieme ci si sposa, così insieme ci si separa. L’obiettivo comune è quello di gestire insieme il conflitto, nonchè ridefinire i nuovi confini familiari.

L’energia generata dal conflitto può essere utilizzata in modo costruttivo, anziché distruttivo e quando i conflitti vengono risolti in modo cooperativo invece che attraverso la contestazione, le relazioni possono uscirne migliorate e addirittura rafforzate. Se c’è buona volontà da parte dei coniugi, percezioni ed atteggiamenti reciproci possono cambiare così in seguito, la mutata atmosfera di apertura, ascolto e cooperazione può irradiarsi da essi ad altri membri della loro famiglia. Risolvere un conflitto significa andare oltre le singole ragioni dell’uno o dell’altro, si lasciano perdere colpevolizzazioni inutili per
lasciare spazio al riconoscimento dell’altro e delle reciproche differenze, ai fini del raggiungimento di un obiettivo di comune interesse.

 

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il tuo commento!
Inserisci qui il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.